Avvio del Processo Diocesano per la canonizzazione di Antonietta Guadalupi

Solenne apertura del Processo diocesano per la canonizzazione della Serva di Dio Antonietta Guadalupi

– Cattedrale di Brindisi –

8 gennaio 2020 ore 18,00

Avrà luogo l’8 gennaio 2020 alle ore 18 presso la Cattedrale di Brindisi alla presenza di S.E. Mons. Domenico Caliandro, Arcivescovo di Brindisi-Ostuni, la solenne apertura del Processo diocesano per la canonizzazione della Serva di Dio AntoniettaGuadalupi (1947-2001), membro dell’Istituto Maria Santissima Annunziata, associato alla Società San Paolo. Promotori dell’evento sono lo stesso Istituto Maria Santissima Annunziata e la Diocesi di Brindisi-Ostuni. Postulatore della causa è don Domenico Soliman, postulatore generale della Famiglia Paolina.

Il programma prevede alle ore 18 la celebrazione della Liturgia dei Vespri e, a seguire, l’apertura della prima Sessione del Processo diocesano.

Adottando una fortunata espressione del Card. Carlo Maria Martini, Antonietta Guadalupi può essere annoverata tra i “profeti minori del nostro tempo”. Nasce a Brindisi il 22 novembre 1947. A soli 13 anni perde la mamma e decide di lasciare gli studi per prendersi cura del padre e del fratello. Una volta ripresa la scuola, deve però interromperla di nuovo pochi anni dopo a causa della morte del padre. Tenace e volitiva, Antonietta riuscirà più tardi a conseguire la maturità classica e a iscriversi alla Facoltà di Medicina e Chirurgia di Bari, anche se poi non completerà il corso di studi.

All’età di 19 anni entra nell’Istituto Maria SS. Annunziata, fondato dal Beato Giacomo Alberione e appartenente alla Famiglia Paolina. Nel 1974, su consiglio di don Gabriele Amorthl’allora responsabile delle Annunziatine (così si chiamano comunemente i membri di tale Istituto), si reca a Milano per studiare presso lIstituto Nazionale dei Tumori.

Al centro del suo progetto spirituale si colloca la piena conformazione a Cristo secondo il più genuino messaggio di San Paolo (cfr. Gal 2,20), così come interpretato e trasmesso ai suoi figli e figlie dal Beato Giacomo Alberione, fondatore della Famiglia Paolina.

Antonietta diventa così la prima assistente sanitaria, un incarico all’epoca innovativo e pensato per accompagnare personalmente il malato e i suoi familiari nel difficile percorso di cura. Spende oltre 25 anni di vita in quella che per lei è una vera e propria missione, mettendo non solo grande dedizione e competenza, ma diventando soprattutto una vera testimone evangelica del gioioso donarsi, sempre sostenuta da una fede incrollabile, anche nei momenti di fatica e di buio. Nel suo ufficio si respira sempre un clima di accoglienza e serenità, che i pazienti colgono immediatamente. A volte malati e familiari le chiedono l’impossibile e lei, invece di scoraggiarsi, forte solo della sua fede, si rivolge a Colui al quale «tutto è possibile». Più il dolore e la prova sono forti e quasi senza speranza, più riesce, con la sua grande fede nella Provvidenza, a trasmettere pace e consolazione. Sia nelle situazioni ordinarie che in quelle più difficili si colgono sulla sua bocca espressioni come: «Grazie!», «Alleluia!», «È perfetta letizia!». Antonietta con il suo stile di vita comunicava l’amore del Signore, nel suo donarsi agli altri era testimone di quella “cultura dell’incontro” che rappresenta uno dei cardini del Magistero di Papa Francesco.

Antonietta si spegne il 30 luglio 2001, alletà di 53 anni, a causa di un tumore allintestino. Le sue spoglie riposano nel cimitero di Brindisi. 




Settimana Teologica 2020

Carissimi, 

come ogni anno ci prepariamo alla Settimana Teologica Diocesana con il desiderio e la disponibilità di vivere un’ esperienza di formazione permanente. 

Come già comunicato nel calendario diocesano, vivremo il suddetto appuntamento di formazione dal 13 al 17 gennaio 2020. 

Sarà don Vito Mignozzi, presbitero della Diocesi di Castellaneta, preside della Facoltà Teologica Pugliese, ad accompagnarci nel percorso di approfondimento del tema pastorale annuale:

 

“ La Chiesa grembo dello Spirito che genera alla vita i figli ”.

 

Destinatari di questa iniziativa di formazione sono tutti i presbiteri, i religiosi, le religiose e gli operatori pastorali e in modo particolare i membri del Consiglio Pastorale Parrocchiale e Vicariale, gli insegnanti di religione cattolica, i membri delle associazioni e movimenti e gruppi parrocchiali e diocesani.

Come per gli anni passati, ogni comunità è invitata a individuare e comunicare quanto prima i tre laici che insieme al parroco, dopo la relazione di fondo, si recheranno nei gruppi di approfondimento.
desiderare

partorire

prendersi cura

lasciar andare

Prima serata

Seconda serata

Terza serata

Quarta serata

Sintesi dei gruppi

Intervento Arcivescovo




Weekend di formazione

Il Servizio diocesano di Pastorale Giovanile, nell’ambito del progettORATORIO, organizza un weekend di formazione sabato 11 e domenica 12 gennaio 2020, presso la Parrocchia “San Giustino de Jacobis” in Brindisi, con Gigi Cotichella(Ago Formazione) e dal tema “La forma è il contenuto”. La formazione sarà strutturata in 4 incontri/laboratori, rivolti a più destinatari.

ISCRIVITI SELEZIONANDO L’INCONTRO A CUI VUOI PARTECIPARE COMPILANDO IL FORM AL LINK: https://forms.gle/kJSZfFHH7cu6ZKm48




Concerto natalizio “Lo avete fatto a me”


Il Servizio di Animazione Giovanile di Brindisi organizza un concerto di Natale dal titolo “Lo avete fatto a me” che si terrà Lunedi 30 Dicembre 2019alle ore 19.00 presso la parrocchia San Giustino de Jacobis a Brindisi.
Il concerto è stato pensato e ideato per dare seguito al progetto di volontariato giovanile in carcere: durante la serata saranno raccolti fondi e offerte che serviranno a finanziare progetti di recupero e sostegno dei detenuti della casa circondariale di Brindisi.

Vi aspettiamo!!

 




Sospensione udienze

Si comunica che la Curia arcivescovile il 30 dicembre 2019 sarà chiusa.
Aprirà il 31 dalle 9 alle 12.




Tavola Rotonda “I Santi, gli Amici di Dio: Matteo e Antonietta”




Presepe vivente a Sant’Elia

Da oltre dieci anni è attivo e fruibile dalla Cittadinanza, dalle Scuole, Istituzioni ed Associazioni un prezioso Scrigno di Arte, Cultura, Storia, Tradizione e Religiosità: “il PRESEPE VIVENTE della Parrocchia Cristo Salvatore, al Quartiere Sant’Elia di Brindisi”, che, d’ora in avanti, dev’essere accuratamente visitato, valorizzato e promosso da noi tutti, per quanto merita davvero, insieme al Buono e al Bello che c’è nella nostra Città.
È ormai giunta all’undicesima edizione tale significativa Rappresentazione,  precisamente animata e realizzata artisticamente da Volontari Parrocchiani.
I costumi sono ideati e cuciti nella Sartoria parrocchiale, che diventa in questo periodo un ottimo Laboratorio didattico/educativo per  Ragazzi e Adulti.
Quest’opportuna Iniziativa nasce dal desiderio di una Collettività che ha voluto sin dagli inizi vivere in prima persona il Mistero dell’Incarnazione e, come San Francesco inventò il primo Presepe a Greccio (animando la Notte di Natale con i suoi Conterranei), così la Parrocchia di Cristo Salvatore, a partire dal 25 Dicembre, si trasforma in un grande Presepe Vivente, dove Piccoli, Adulti ed Anziani s’impegnano ad offrire agli Ospiti un’Esperienza spirituale e di spettacolo molto particolare.
Tale importante Edificazione, ubicata nei sotterranei della Chiesa, porta i Visitatori ad  immergersi profondamente nell’epoca di Gesù, passando, lungo il percorso, da Gerusalemme a Betlemme.
Attraverso la cura dei particolari, la ricerca degli utensili, dei luoghi appositamente creati, addobbati a modo e magistralmente animati dai Figuranti, con costumi fedeli a quel periodo storico, si coglie proprio l’armonia di una Comunità che vuole Evangelizzare anche attraverso un Segno così semplice, eppure tanto efficace, com’è il Presepe.

Ecco il Link, per visionare e ben considerare questa stupenda Opera d’Arte Comunitaria:
“https://www.facebook.com/cristosalvatorebrindisi/videos/580052592751496/”

Pertanto, … Vi attendiamo numerosi e motivati!
Il Comitato organizzatore parrocchiale




Sospensione udienze

Si comunica che mercoledì 18 dicembre 2019 le udienze col Vescovo sono sospese.




Presentazione del libro di G. Vita “Le politiche regionali per l’innovazione sociale in Italia” (Ecra Edizioni del Credito Cooperativo, 2019)

Giovedì 12 dicembre, alle ore 19:00, nella Sala della Colonna di Palazzo Nervegna a Brindisi, sarà presentato il quarto libro della Collana di Economia civile ECRA, intitolato “Le politiche regionali per l’innovazione sociale in Italia”, scritto da Giovanni Vita e con la prefazione di Leonardo Becchetti, che lo ha definito “un libro molto importante perché introduce una metrica dell’innovazione sociale e un metodo per creare nuove policy”.
Il volume contiene la prima indagine strutturata realizzata sulle politiche regionali di innovazione sociale in Italia, e propone un’analisi comparativa delle politiche regionali ispirata ai principi dell’economia civile. Il lavoro introduce, inoltre, un innovativo indice di empowerment, pensato per favorire una maggiore diffusione dell’innovazione sociale nelle politiche pubbliche a sostegno della partecipazione dei cittadini e dello sviluppo di nuove collaborazioni.
L’incontro, promosso dalla Pastorale Sociale Brindisi-Ostuni, con il Patrocinio della Città di Brindisi e il sostegno della Banca di Credito Cooperativo di Ostuni, vedrà la partecipazione di alcuni protagonisti del territorio che operano a sostegno dell’innovazione sociale e di un’economia di prossimità che ‘mette al centro’ le persone e le relazioni sociali orientate al bene comune.
I lavori saranno introdotti da Francesca R. Intiglietta (Responsabile della Rassegna Letteraria) e moderati da Eugenio Cascione (Direttore di ConfCooperative Brindisi). Al tavolo dei relatori, in dialogo con l’autore Vita saranno presenti: Roberto Covolo (Assessore alla Programmazione Economica della Città di Brindisi), Francesco Zaccaria (Presidente della Banca di Credito Cooperativo di Ostuni) e Don Mimmo Roma (Direttore della Pastorale Sociale).


Partner dell’iniziativa, oltre alle Edizioni Ecra, sono il Progetto Policoro dell’Arcidiocesi Brindisi- Ostuni, la società Vitacom e la Caffetteria Letteraria Nervegna.
La ricerca approda in Puglia dopo essere stata presentata a Torino, su invito della Regione Piemonte, e a Roma presso l’Agenzia per la Coesione Territoriale, su invito del Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri. La prima nazionale del volume è avvenuta il 22 luglio scorso a Roma, presso la Biblioteca della Camera dei Deputati, in un evento promosso da Federcasse (la Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo, Casse Rurali ed Artigiane), che ha ideato il Festival Nazionale dell’Economia Civile, la cui seconda edizione si terrà a Firenze nell’aprile 2020.




Raccolta terremoto Albania

Conferenza Episcopale Pugliese

Commissione Regionale Comunicazione e Cultura

COMUNICATO STAMPA

colletta pro albania

 

Bari, 6 dicembre 2019

COMUNICATO STAMPA: La Conferenza Episcopale Puglieseha indetto per Domenica 22 dicembre, IV domenica di Avvento, in tutte le Chiese di Puglia, una Giornata straordinaria di colletta in favore delle persone colpite dal terremoto in Albania.

Le offerte raccolte dai fedeli in quel giorno saranno devolute in favore dei terremotati, attraverso la Delegazione Caritas Puglia, che sarà impegnata anche nei prossimi mesi in attività di sostegno alle Caritas albanesi.

Martedi 26 novembre u.s. un violento terremoto di magnitudo 6.4 ha colpito l’Albania, causando 51 vittime e circa 2.000 feriti. Lo sciame sismico continua ancora, con scosse più o meno forti, alcune anche oltre la magnitudo 5. Dopo i primi giorni in cui si è affrontata l’emergenza si incomincia ora ad evidenziare l’impatto sul territorio dove il terremoto ha danneggiato centinaia di palazzi e migliaia di abitazioni.

Secondo un primo bilancio preliminare il numero delle persone senza casa potrebbe aggirarsi attorno alle 30.000.

Caritas Albania, coadiuvata da Caritas Italiana e da altre organizzazioni ecclesiali, si sta adoperando per aiutare tutti i soggetti impegnati sul territorio. In particolare, grazie alla presenza capillare delle parrocchie e delle varie missioni cattoliche, i direttori e gli operatori delle Caritas diocesane albanesi sono vicini agli sfollati dei villaggi periferici, dove è più difficile intervenire, monitorando la situazione in ogni luogo, azione previa ed indispensabile per ogni progettazione futura e per la gestione dell’emergenza.

Gli operatori locali informano che per il momento è importante, per chi volesse aiutare le persone sfollate, impegnarsi a raccogliere fondi. In un secondo tempo, quando la situazione sarà più chiara, saranno elaborati dei progetti che prevederanno anche altri tipi di interventi.

Caritas Italiana sul proprio sito web fornisce periodicamente degli aggiornamenti della situazione.

La Conferenza Episcopale Italiana ha già stanziato la somma di euro 500.000 in favore dei terremotati ed anche il Santo Padre Francesco ha voluto devolvere allo stesso scopo ulteriori 100.000 euro.

La Conferenza Episcopale Pugliese, considerata la particolare gravità della situazione in Albania e considerando il particolare legame tra le chiese albanesi e quelle di Puglia, tra le quali in questi ultimi 25 anni sono intercorsi molteplici rapporti di solidarietà e collaborazione pastorale che hanno coinvolto centinaia di volontari provenienti da varie diocesi pugliesi, ha indetto per Domenica 22 dicembre, IV domenica di Avvento, in tutte le Chiese di Puglia, una Giornata straordinaria di colletta in favore delle persone colpite dal terremoto in Albania.

Le offerte raccolte dai fedeli in quel giorno saranno devolute in favore dei terremotati, attraverso la Delegazione Caritas Puglia, che sarà impegnata anche nei prossimi mesi in attività di sostegno alle Caritas albanesi.

A questa iniziativa corale di raccolta fondi si aggiungono anche le altre iniziative promosse dalle varie Caritas Diocesane di Puglia, alcune delle quali hanno dedicato a questo scopo anche la tradizionale raccolta dell’Avvento di Fraternità.

Per il momento non è prevista la raccolta di generi alimentari o indumenti.

Tutti coloro che vorranno contribuire alla raccolta potranno farlo direttamente in parrocchia oppure attraverso un bonifico bancario (causale Albania/Terremoto novembre 2019) sul conto intestato a Caritas Italiana, IBAN IT24 C050 1803 2000 0001 3331 111

Commissione regionale Cultura e Comunicazioni