Deceduto sacerdote del nostro presbiterio: don Donato Panna

E’ deceduto questa mattina nell’ospedale “Perrino” di Brindisi, dove era ricoverato da alcuni giorni in seguito a emorragia cerebrale, Don Donato Panna. Aveva 76 anni. Ordinato sacerdote nel 1964, nei primi fervidi anni del suo ministero era stato viceparroco a Guagnano. In seguito era diventato parroco di San Donaci, suo paese natale, dove lavorò con zelo finchè partì come missionario “fidei donum” a Laisamis, nel Marsabit, in Kenya. Rientrato in diocesi dopo diversi anni, fu inviato come parroco alla chiesa madre di Salice Salentino, ma qualche tempo dopo, non essendoci altri sacerdoti disponibili, tornò nuovamente in Africa, nella stessa missione, che rischiava di essere chiusa. Con suo grande rammarico, la chiusura definitiva di quella esperienza di gemellaggio missionario con la nostra diocesi fu inevitabile. Al ritorno in Italia, divenne parroco di Mater Domini, a Mesagne. E infine l’obbedienza lo portò per una seconda volta come parroco a San Donaci, finchè l’anno scorso diede le dimissioni per raggiunti limiti di età. Lo ricordiamo come un sacerdote generoso, che si è speso con dedizione e sacrificio per il bene delle anime e il servizio del Regno. Tutta la nostra diocesi deve molto al suo esempio. Le esequie presso la chiesa madre di San Donaci saranno presiedute dall’arcivescovo mons. Caliandro domani, sabato 22 ottobre 2016, alle ore 15,30. (d.Fabio Ciollaro)




Come funziona la riforma costituzionale

IMG_3924L’Ufficio problemi sociali e del lavoro dell’Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni, forte dell’invito rivolto da papa Francesco alla Chiesa Italiana proprio un anno addietro in occasione del Convegno ecclesiale di Firenze – “la Chiesa sia fermento di dialogo, di incontro, di unità”, perché “i credenti sono cittadini” – ha promosso un dialogo sui contenuti della riforma costituzionale, che vedrà impegnati gli italiani nel referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre.
Venerdì 14 ottobre alle ore 20, quindi, nel teatro parrocchiale S. Vito Martire a Brindisi, alla presenza dell’arcivescovo di Brindisi-Ostuni, mons. Domenico Caliandro, il prof. Umberto Ronga, Costituzionalità dell’Università “Federico II” di Napoli e dell’Istituto “Vittorio Bachelet” terrà una relazione sul tema “Come funziona la riforma costituzionale”. L’incontro è moderato dalla giornalista Anna Saponaro.
“In questo tempo forte per la vita civile il nostro contributo semplice e sereno è volto a creare le condizioni per un discernimento consapevole e libero; chiaramente non è nostro compito suggerire indicazioni di voto – spiega don Mimmo Roma, direttore dell’Ufficio problemi sociali e del lavoro dell’Arcidiocesi -. Il metodo scelto è quello di approfondire in un contesto di terzietà i contenuti della riforma in modo tecnico con l’aiuto di un giovane costituzionalista”.
All’iniziativa, tra le altre, hanno già aderito le seguente associazioni e movimenti: Azione cattolica Italiana, Comunione e Liberazione, Cursillos Cristianità, Alleanza Cattolica, Unitalsi, Ucid, Meic, Confcooperative, Acli.

Con preghiera di pubblicazione.

Chi intendesse approfondire l’argomento può contattare don Mimmo Roma alla casella di posta donmimmoroma@gmail.com o al cellulare 3339224085




Esercizi spirituali per presbiteri

“Maternità della Chiesa – misericordia e giustizia”

Da Lunedì 24 ottobre 2016 (dopo pranzo) a venerdì 28 ottobre 2016 (dopo il pranzo)

Guida: Carmine Di Sante – teologo

Presso: Centro Diocesano di Spiritualità “Madonna della Nova”, via S. Giovanni Bosco, 10/a – 72017 Ostuni (Br)

Riferimenti: sr. Carla Trebeschi 0831304801 – 3209263604

Come raggiungerci: dalla statale 379 Bari-Brindisi, prendere l’uscita Torre Pozzella, proseguire per Ostuni prendendo la provinciale 21 (circa 9 chilometri). alla rotonda per Ostuni-Carovigno, girare a destra e proseguire in direzione Ostuni per 200 metri: sulla sinistra si trova il Centro di Spiritualità “Madonna della Nova”.




Comunicato di Curia

Si comunica che dal 3 al 5 ottobre p.v. l’Arcivescovo sospenderà le udienze.

La segreteria riaprirà il 10 ottobre.




Giubileo Diocesano delle Confraternite

frontespizio




Assemblea di inizio anno per gli Operatori Pastorali

Carissimi,

dopo l’annuncio del tema pastorale e l’incontro diocesano con d. Paolo Gentili (22 giugno u.s.), e alla ripresa del ritmo ordinario dei nostri cammini particolari, ci diamo appuntamento come Operatori Pastorali insieme all’Arcivescovo, per l’inaugurazione comunitaria dell’anno pastorale 2016-2017 il

28 settembre p.v., alle ore 18.00,

presso S. Maria del Casale (Brindisi).

In continuità con gli anni precedenti e all’inizio di un nuovo triennio, durante il quale  porremo particolare attenzione alle tematiche della pastorale familiare, il tema che guiderà il cammino annuale sarà

“La Parrocchia accoglie e annuncia il Vangelo della Famiglia”

illuminato dall’icona biblica di fondo di At 10, 23b-48.

Vi chiedo, cortesemente di estendere l’invito per il 28 p.v. agli OO. PP., presbiteri, laici e religiosi delle Vicarie e  ai membri degli Uffici e Commissioni.

Ricordo, inoltre, che la Settimana Teologica sarà dall’9 al 13 gennaio 2017.




Bando 2017 – Animatore di comunità Progetto Policoro

L’invito è “a voi giovani, perché siete forti” !

policoro logoEntro il 10 settembre è possibile far giungere il proprio interesse per accedere all’assegnazione di una borsa di studio come Animatore di Comunità del Progetto Policoro.

Il Progetto Policoro è un progetto organico della Chiesa italiana che tenta di dare una risposta concreta al problema della disoccupazione giovanile in Italia, attivando iniziative di formazione a una nuova cultura del lavoro, promuovendo e sostenendo l’imprenditorialità giovanile in un’ottica di sussidiarietà, solidarietà e legalità. (www.progettopolicoro.it)

Maggiori info nei documenti allegati.

________________________________

Altri allegati:

Bando per l’assegnazione della Borsa di studio;

Domanda di partecipazione;

Brevi info sul Progetto Policoro e l’animatore di comunità.




Per gli 80 anni di mons. Talucci

Lunedì 5 settembre (anche se la data ufficiale è il 6) S.E. mons. Rocco Talucci, con l’aiuto di Dio, raggiunge lietamente il traguardo degli 80 anni. In questa significativa occasione il suo cuore sicuramente ringrazia il Signore per il dono della vita e ripercorre con la memoria i molti anni dedicati al servizio delle anime, in operosa dedizione, come viceparroco, parroco, assistente di Azione Cattolica, direttore della Caritas diocesana, vescovo di Tursi-Lagonegro e infine arcivescovo di Brindisi-Ostuni. Anche oggi, infaticabile, egli continua a spendersi generosamente in varie forme di apostolato. Le parole evangeliche scelte come motto ancora lo spingono a lavorare senza risparmiarsi, sperando sempre in una pesca fruttuosa: In verbo tuo laxabo rete.

In questa fausta ricorrenza tutta la nostra Diocesi, iniziando dall’arcivescovo mons. Caliandro, gli formula molti auguri di buona salute, perché possa ancora per lunghi anni servire il popolo cristiano. Insieme a me, una delegazione inviata dall’Arcivescovo si recherà a Venosa, proprio nel giorno del genetliaco, per portargli di persona le felicitazioni e gli auguri di tutti. Ogni comunità della nostra Chiesa locale è invitata al ricordo nella preghiera .

Nelle Messe di domenica 4 settembre alla preghiera dei fedeli si aggiunga questa intenzione:

Per mons. Rocco Talucci, arcivescovo emerito della nostra diocesi, che compie 80 anni di età. Perché il Signore gli conceda vita e buona salute, e con l’avanzare degli anni senta crescere in sé la gioia di essersi donato totalmente al servizio di Dio e della Chiesa, preghiamo.

A tutti un fraterno saluto.

Brindisi, 31.08.2016

​​​​​​​Il Vicario Generale
​​​​​​​sac. Fabio Ciollaro




Terremoto centro Italia – indicazioni operative

Carissimi, giunte stamattina da Caritas Italiana importanti indicazioni operative in merito al violento terremoto che ha colpito alcune Comunità del Centro Italia, inoltriamo tempestivamente con preghiera di massima diffusione nelle Parrocchie, Rettorie, Comunità Religiose, Gruppi, Movimenti, Associazioni, …
Caritas Italiana, presente da subito nelle zone colpite, concorderà con le Comunità locali le attività di accompagnamento e sostegno a medio-lungo termine, per coordinare opportunamente le generose disponibilità provenienti da tutte le diocesi della Puglia e dell’Italia intera.
Al momento non sono previste raccolte di viveri, vestiario, suppellettili o altro materiale, mentre sarà utile e fondamentale impegnarsi molto per la colletta nazionale indetta dalla CEI per domenica 18 settembre p.v.
Fraterni saluti.
La Caritas Diocesana di Brindisi-Ostuni

Comunicato stampa Caritas Italiana 21 del 25-08-2016

Ricordiamo che è possibile contribuire alla raccolta fondi di Caritas Italiana (Via Aurelia 796 – 00165 Roma), utilizzando il conto corrente postale n. 347013 o tramite altri canali, tra cui on line sul sito www.caritas.it (causale “Terremoto centro Italia”) o bonifico bancario specificando nella causale “Colletta terremoto centro Italia”. Ecco i riferimenti bancari: – Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT 29 U 05018 03200 000000011113, – Banca Prossima, piazza della Libertà 13, Roma – Iban: IT 06 A 03359 01600 100000012474, – Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT91 P076 0103 2000 0000 0347 013, – UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119. Ulteriori aggiornamenti sono disponibili sul sito www.caritas.it,tramite l’account Twitter @CaritasItaliana e quello Facebook www.facebook.com/CaritasIt.

Locandina_colletta_terremoto2016_ufficiale




Apertura del Processo per la Beatificazione di Matteo Farina

19 Settembre 2016: giorno davvero importante e benedetto da Dio per la Diocesi di Brindisi-Ostuni.
Alba di un camino avvincente e ricco di grazia per tutti coloro che, a vario titolo, vi presteranno la propria preziosissima opera. Si apre ufficialmente infatti, in tale data, la prima fase, quella diocesana, del processo di Beatificazione del Servo di Dio Matteo Farina. Lo scrigno che ospiterà l’evento, come tesoro e dono della Divina Provvidenza, è la chiesa di Santa Maria del Casale, luogo carico di storia e ispiratore, tramite i suoi splendidi affreschi, di intense suggestioni spirituali. Stando alle fonti storiografiche, proprio in tale tempio sono transitati i cavalieri crociati, in partenza alla volta della Terra Santa dopo il giuramento di fedeltà alla chiesa ed a Cristo.
Giuramento di fedeltà al proprio compito sarà quello prestato, dopo la recita comunitaria del Vespro del 19 settembre, alla presenza dell’ Arcivescovo S.E. Rev. Monsignor Domenico Caliandro da ogni membro del Tribunale Ecclesiastico, affinché la Causa di Beatificazione del Servo di Dio Matteo Farina faccia il suo corso, secondo volontà e gloria di Dio.
Le formule giuridiche, che saranno pronunciate, sono quelle solenni che impegnano in coscienza davanti a Dio e manifestano la serietà con la quale la Chiesa affronta il tema della Santità e il vaglio dei candidati agli altari, anche quando si parli di persone giovani.
Secondo il pensiero della dottoressa Francesca Consolini, Postulatrice della Causa di Beatificazione, Matteo, giovane cavaliere della Croce e campione del Vangelo, tenacemente e pazientemente ha combattuto la sua buona battaglia della fede per amore di Cristo e della Madre Santissima, con la Carità e il sorriso, per meritare il premio della gloria eterna. E’ bello sapere che tanti altri giovani, a partire dal 19 Settembre, volgeranno lo sguardo a Matteo e vi vedranno, come nel cielo di notte, una nuova stella: l’auspicio più atteso è che illumini il loro cammino in un mondo spesso buio ed ombroso, in cui luci fittizie e artificiali sembrano dominare.
Tutti devono sentirsi chiamati a sostenere con la preghiera il percorso che verrà inaugurato. Ad ognuno il proprio ruolo, a tutti il compito di alimentare la speranza che modelli autentici e dirompenti, come Matteo, possano sempre più attrarre e incoraggiare, ispirando percorsi di autentica e profonda vita umana e cristiana.
Il Santo Padre Francesco all’ultima GMG di Cracovia, nel suo discorso conclusivo, ha invitato i giovani a darsi da fare e a puntare in alto con queste parole : “Non fermatevi alla superficie delle cose e diffidate delle liturgie mondane dell’apparire, dal maquillage dell’anima per sembrare migliori. Invece, installate bene la connessione più stabile, quella di un cuore che vede e trasmette il bene senza stancarsi”. E ha chiesto che “tra tutti i contatti e le chat di ogni giorno ci sia al primo posto il filo d’oro della preghiera”, avendo come «navigatore» il Vangelo. L’alta ed intensa testimonianza umana e cristiana di Matteo Farina aderisce perfettamente a questo bel messaggio del Pontefice ed è il segno vero e concreto che una vita vissuta secondo la Parola è non solo possibile, ma anche e soprattutto sorprendentemente bella e significativa.
L’augurio più sincero che si possa rivolgere a tutti i partecipanti all’evento del 19 Settembre, particolarmente ai giovani, è quello di trovare il senso della vita, proprio come il Servo di Dio Matteo Farina ha saputo mirabilmente fare, l’unico senso possibile per ogni cristiano: Gesù Cristo, Via…Verità…Vita!
Auguri Matteo, Auguri giovani

image